L’olio essenziale di Cipresso ha effetti benefici sulla circolazione venosa, in caso di  emorroidi, di cellulite, come deodorante e antireumatico ma  le sue proprietà sono molte di più.  Antisettico come tutti gli oli essenziali è anche  diuretico, epatico,emostatico e antispasmodico.

Olio essenziale di Cipresso:  7  buoni motivi per utilizzarlo e tenerlo a portata di mano.

Il Cipresso, cupressus sempervirens, è un albero sempreverde della famiglia delle cupressaceae.  Alto e snello, è originario della regione mediterranea e i suoi  frutti sono dei coni legnosi tondeggianti. E’ l’albero tipico dei cimiteri perché le sue radici scendono a fuso nella terra, senza interferire con le aree circostanti ma è anche associato al culto dei morti, fin dall’antichità. Simbolo di vita eterna era considerato sacro, soprattutto in Persia. L’olio essenziale è distillato dai rami, dalle foglie, dalle cime fresche della pianta ed ha una  gradevole profumazione.

I suoi usi esterni più frequenti ed efficaci?

Per contrastare la cellulite. L’olio essenziale di cipresso ha eccezionali proprietà toniche, è un vasocostrittore che riattiva la circolazione venosa decongestionando il sistema venoso-linfatico, per cui è utile nei casi di cellulite. Si può usare nell’acqua del bagno, 10 gocce, agitando un po’ l’acqua  per emulsionare l’olio o lo aggiungete ai Sali da bagno, magari quelli del Mar Morto.  Se preferite la doccia, versatene 4 o 5 gocce  su un guanto di  spugna bagnato, eventualmente diluito in un po’ di detergente liquido neutro,  e frizionate per almeno 5 minuti.  Riattiva il sistema linfatico aiutando così  a drenare i liquidi in eccesso. E’ possibile preparare un olio da massaggio  miscelando olio di mandorle dolci e olio essenziale, che non deve superare l’1% del totale.

Gambe pesanti o con varici, i benefici dell’olio essenziale di cipresso

Per le gambe pesanti o con varici.  E’ un tonico per le sue proprietà astringenti,  per i tannini contenuti, e agisce riattivando la circolazione venosa. Contrasta la formazione di edemi e aiuta in caso di fragilità capillare perché vasocostrittore. Possiamo usare la modalità del bagno oppure aggiungere a 30ml di olio,  di oliva, di jojoba o un altro olio vettore, 15 gocce di olio essenziale di cipresso, col quale andremo a massaggiare le gambe, sempre dal basso verso l’alto.  Io ne miscelo 4 o 5 gocce alla crema di calendula che poi massaggio delicatamente  sulle gambe e sulle cosce.


Emorroidi: efficace come rimedio per darci sollievo

In caso di emorroidi.  E’ uno fra gli oli ritenuti più efficaci in caso di emorroidi per le sue proprietà anestetiche, capace quindi di apportare immediato sollievo. Il consiglio è di immergere la parte in una bacinella dove avrete versato 15 gocce in 2 litri di acqua tiepida. Emulsionate e rimanete immersi per una quindicina di minuti. Ripetere almeno 2 volte al giorno fino a miglioramento. E’ possibile anche fare degli impacchi sulla parte colpita dalle emorroidi: dopo aver portato a ebollizione 300ml di acqua, successivamente raffreddata, aggiungere 15 gocce di o.e. e imbibire una garza. Gli impacchi devono essere giornalieri, fino a miglioramento.

  • Come  deodorante: regola l’eccessiva traspirazione. Si utilizza per pediluvi aggiungendo 5-10 gocce nell’ acqua del pediluvio.
  • Per la tosse: rimedio più invernale, aggiungere 5 gocce nell’umidificatore del termosifone e, per aumentarne l’effetto, lasciarne cadere una goccia anche sul cuscino.
  • E’ rilassante se diffuso nell’ambiente.  Negli umidificatori dei termosifoni, qualche goccia ha effetto  riequilibrante sul  sistema nervoso, utile quindi  in caso di stress.
  • AntireumaticoUtilizzando la forma dell’impacco da applicare in loco o dell’olio da massaggiare sulla parte dolente (una o due gocce in un cucchiaino di olio d’oliva), aiuta in caso di reumatismi e dolori articolari.

A queste proprietà si aggiungono quella di allontanare gli insetti, uso che vale la pena di provare dato il suo gradevole profumo,  e quella di rigenerare il profumo dei fiori vecchi del pot-pourri.  Prima di usarlo direttamente sull’epidermide è  consigliabile effettuare un test cutaneosu una piccola zona per scongiurare eventuali sensibilità e reazioni allergiche. In linea di massima non utilizzarli puri ma in olio vettore e mai su neonati o bambini piccoli.  E’ importante scegliere oli essenziali di buona qualità e puri, meglio se bio. Non usare in gravidanza, allattamento , ipertensione e in caso di donne iperestrogeniche.

Autore: Naturopata Angela Ballarati

Fonte: www.naturopataonline.org

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.
Le informazioni diffuse dal sito non intendono e non devono sostituirsi alle opinioni e alle indicazioni dei professionisti della salute che hanno in cura il lettore, l’articolo è solo a scopo informativo.