Istat: 5 milioni di poveri in Italia Mai così tanti da tredici anni

Fonte: Gazzetta dello sport

Da Codacons

In Italia vivono 5 milioni di persone in condizione di povertà assoluta, il massimo dal 2005 sia in termini di famiglie (1,778 milioni, pari al 6,9% delle famiglie residenti) che di singoli individui (8,4% dell’ intera popolazione). Il dato – aggiornato al 2017 – è stato fornito ieri dal presidente dell’ Istat Maurizio Franzini durante un’ audizione sulla Nota al Documento di economia e finanza del governo. Il fenomeno interessa il 6,2% dei cittadini italiani (3 milioni e 349 mila) e il 32,3% degli stranieri (1 milione e 609 mila persone). le reazioni Quasi la metà delle persone in condizioni di povertà assoluta è residente nel Mezzogiorno. Al Sud, in particolare, il fenomeno interessa il 10,25% degli italiani e il 40% degli stranieri: la Regione più colpita è la Calabria, dove vive in povertà relativa oltre un terzo delle famiglie (35,3%), mentre in confronto la Valle d’ Aosta presenta un valore 8 volte più basso (4,4%). Franzini ha sottolineato che «le prospettive a breve termine dell’ economia in base ai segnali forniti dall’ indicatore anticipatore stimato dall’ Istat non sono favorevoli».


Nei dati Istat il vicepremier e ministro dell’ Interno Matteo Salvini ha letto la conferma della «giustezza dell’ obiettivo che ci siamo dati con tutto il governo, ovvero mettere al centro gli italiani e dare priorità assoluta alle loro necessità». Su Facebook l’ altro vicepremier Luigi Di Maio, ministro del Lavoro e dello Sviluppo, ha commentato: «Record di poveri in Italia! Il reddito di cittadinanza è un diritto da riconoscere subito». E il presidente del Codacons Carlo Rienzi ha aggiunto: «In 10 anni i cittadini in povertà assoluta sono aumentati del 108%. Pesa l’ incapacità della classe politica che negli anni non ha saputo adottare misure realmente efficaci».
alessio d’ urso

Tratto da: www.politicamentescorretto.info

CONTINUA A LEGGERE >>