I cittadini di tutta la Svezia hanno iniziato a sollevarsi per protestare contro il globalismo, in solidarietà con centinaia di migliaia di manifestanti francesi. Mentre il movimento anti-globalismo continua a diffondersi in tutta Europa, il popolo svedese è sceso nelle strade di Stoccolma durante il fine settimana, protestando contro il Patto per la migrazione delle Nazioni Unite. Il movimento dei “gilet gialli” della Francia si è diffuso anche in almeno altri tre paesi europei, in quanto cittadini in Belgio, Germania e Olanda hanno anche iniziato a protestare contro l’élite politica. Il movimento francese iniziò originariamente come un’opposizione alle tasse sui carburanti, ma ora si concentra anche sui governi, poiché le persone normali e laboriose si sentono inascoltate.


Mentre gli svedesi si  radunavano fuori dal Parlamento a Stoccolma, un manifestante disse: “Sono qui per i poveri anziani che hanno pagato le tasse per tutta la vita e ora sono costretti a morire di fame”.

Secondo  Voice of Europe , sono state viste molte bandiere, cartelloni e giubbotti gialli svedesi, con la partecipazione dei bambini.

“Non siamo estremisti. Siamo ordinari svedesi “, hanno gridato i manifestanti. “Non si tratta di colori politici, si tratta di persone” , ha dichiarato uno degli oratori, la giornalista Katerina Janouch.

“Sono qui per la bambina di 9 anni che è stata violentata e picchiata in una stanza di spazzatura”

“Sono qui per tutte le donne che non osano più uscire”

“Sono qui per i poveri anziani che hanno pagato le tasse per tutta la vita e ora sono costretti a morire di fame”.

“Sono qui per i senzatetto”

“Sono qui per coloro che non ottengono ciò che promette il contratto sociale”.

Secondo Janouch, tutti gli svedesi, indipendentemente dall’appartenenza politica, dovrebbero partecipare alle manifestazioni e protestare contro la politica in Svezia.


Fonte: www.politicamentescorretto.info

CONTINUA A LEGGERE >>