L’ enzima mangia-plastica esiste: scoperto per sbaglio, potrebbe salvarci dall’inquinamento

  • di Zeina Ayache

Creato per sbaglio l’enzima ‘mangia-plastica’ che potrebbe salvarci dall’inquinamento distruggendo la nostra spazzatura.






Gli scienziati hanno creato per sbaglio un enzima in grado di digerire alcune delle plastiche più inquinanti rappresentando una papabile soluzione contro il problema ambientale più grave: quello appunto della plastica. La conferma arriva dalla University of Portsmouth che sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences hanno pubblicato i risultati della loro scoperta nello studio intitolato “Characterization and engineering of a plastic-degrading aromatic polyesterase”. Ma come è possibile? E perché l’hanno scoperto per sbaglio?

Dalla natura al laboratorio. I ricercatori spiegano che stavano analizzando un enzima mutante, il PETase, scoperto dai giapponesi e in grado di digerire la plastica, ma troppo lentamente, quando per sbaglio sono riusciti a creare un nuovo enzima ‘mangia-plastica- anche migliore di quello che si sviluppa in natura.





Rapidità contro la plastica. Per capire quanto fosse rapido il nuovo enzima, i ricercatori lo hanno testato su una bottiglia di plastica comunemente utilizzata per le bevande gasate e, dalle osservazioni fatte a microscopio, hanno potuto notare il livello di degradazione dopo 96 ore. Un ottimo livello che però adesso necessita di un’accelerazione, stiamo parlando di rendere questo enzima 1.000 volte più rapido nel suo ‘lavoro’.

Ci siamo dati la zappa sui piedi da soli. Insomma, gli scienziati adesso sono al lavoro per cercare di risolvere il problema della plastica che, se inizialmente sembrava rappresentare la scoperta del secolo scorso, col tempo si è rivelata un vero danno a livello ambientale di non facile soluzione: i nostri mari per esempio sono stracolmi di plastica che, oltre a rovinare il paesaggio, sta ‘soffocando’ gli esseri viventi di questo ecosistema. Per non parlare dell’inquinamento provocato dallo smaltimento su terre dalla plastica, che porta con sé anche traffici illeciti, come ha mostrato l’inchiesta di Fanpage.it ‘Bloody Money‘.






Il futuro. Grazie a quanto realizzato inavvertitamente, i ricercatori sono al momento impegnati per migliorare le capacità del loro enzima e renderlo effettivamente utilizzabile a livello industriale in modo da distruggere la plastica in poco tempo e senza inquinare.

[In foto l’enzima che si mangia la plastica – credit Dennis Schroeder / NREL]

Fonte: fanpage.it

Non perdetevi i nuovi aggiornamenti, seguiteci nella App per cellulari 




CONTINUA A LEGGERE >>