C’è una grande disputa sui migranti tra l’Ungheria e l’UE o, piuttosto, sulla risoluzione della questione demografica dell’Europa attraverso i migranti. Il primo ministro dell’Ungheria Viktor Orban è gravemente irritante per Bruxelles soltanto perché rifiuta di compensare il declino della popolazione ungherese iaprendo le porte ai migranti. Invece, Orban ha annunciato un programma pronascite su larga scala nel suo paese con lo slogan “Abbiamo bisogno di più ungheresi”.

Orban non si sta solo difendendo ma è pronto ad attaccare Bruxelles. Ha lanciato una campagna di informazione a Budapest condannando la politica migratoria dell’UE. Lo slogan sullo stendardo dice “Hai anche il diritto di sapere cosa sta progettando Bruxelles”. Lo stendardo presenta i ritratti del presidente della Commissione europea Juncker e George Soros. Soros è considerato un complice della migrazione illegale in Europa. Orban ritiene che la migrazione dilagante significhi la capitolazione.
Viktor Orban, Primo Ministro ungherese: “Il numero di bambini in Europa sta diminuendo, la migrazione è la risposta dell’Occidente a questa catastrofe, loro vogliono invitare quanti più migranti quanti sono i figli che sarebbero potuti nascere in modo che le cifre coincidano. Noi, ungheresi, abbiamo una mentalità diversa: abbiamo bisogno di bambini ungheresi invece di migranti, la migrazione nel nostro caso “significa capitolazione.

Juncker, a sua volta, non vuole essere con Orban in un unico partito europeo che è parte della più grande fazione del Parlamento europeo che include il partito ungherese Fidesz, guidato da Orban. La loro fazione al Parlamento europeo è chiamata Partito popolare europeo.

Jean-Claude Juncker, Presidente della Commissione europea afferma: “Non abbiamo nulla in comune con il signor Orban, perché dovrebbe rimanere nel mio gruppo e sedersi al nostro tavolo di famiglia se rifiuta tutto ciò che io sostengo? Credo che non abbia alcun posto il Partito popolare europeo “.

Il primo ministro Viktor Orban ha annunciato il suo sostegno alle famiglie ungheresi. Ogni sua affermazione è stata soddisfatta con standing ovation. Ha introdotto sette passaggi che dovrebbero fermare il declino della nazione. Il declino annuale della popolazione ungherese è di 32.000 persone. Il governo offre prestiti preferenziali per l’alloggio e le auto e l’assistenza con i mutui.

Laszlo Toroczkai, leader del movimento Our Home: “Secondo i sondaggi, le giovani coppie ungheresi vogliono avere più figli di quanti ne generino: ragioni materiali ed economiche sono al centro dell’attuale situazione demografica”.

Le questioni demografiche dell’Ungheria sono iniziate dopo la prima guerra mondiale. Il trattato firmato dopo la guerra ha diviso il popolo. I vicini hanno rubato il 70% del territorio ungherese. Di conseguenza, circa 13.000.000 di cittadini finirono dall’altra parte del confine. La loro storica patria sta consegnando attivamente i nostri passaporti per permettere agli ungheresi di riunirsi e moltiplicarsi.

Un altro elemento del nuovo programma demografico è la costruzione di asili e asili. Dopo aver dato alla luce il suo quarto figlio, una donna sarà esentata dal pagamento dell’imposta sul reddito per il resto della sua vita.

Un giornalista di cronaca nera della Gran Bretagna ha deciso di parlare a nome delle donne ungheresi. Ha pubblicato un articolo su The Guardian affermando che i politici nazionalisti usano i corpi delle donne.

“Le politiche contro le donne si mascherano come quelle destinate ad aiutare le donne. Queste politiche utilizzano gli organi delle donne per un’agenda che riguarda solo l’uguaglianza di genere “.

Budapest è costretta a rispondere: in TV, sui giornali e nelle strade. Non sono solo un paio di cartelloni pubblicitari, ce ne sono centinaia in tutta l’Ungheria. È come un indirizzo del partito al governo della nazione. Gli striscioni dicono “Hai il diritto di sapere cosa sta progettando Bruxelles”. I colpevoli sono raffigurati qui: il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e il finanziere americano George Soros. Budapest ritiene che questi due non solo incoraggino la migrazione, ma lancino una sorta di progetto di migrazione sperimentale con i paesi dell’Africa.


Jean Junker con George Soros

L’Africa ha un tasso di natalità record – 5-7 bambini per donna. L’Europa non può competere. Spagna, Italia, Germania, Austria e Ungheria sono in ritardo: meno di 1,5 figli per donna. Più di 2 sono necessari per ricostituire la popolazione. Diversi Stati dell’UE hanno una visione diversa per la soluzione a questo problema complesso.

Viktor Orban: “Il numero di bambini in Europa sta diminuendo. La migrazione è la risposta dell’Occidente a questa catastrofe. Noi, gli ungheresi, abbiamo una mentalità diversa. Abbiamo bisogno di bambini ungheresi invece di cifre. “

L’Ungheria fa tutto il possibile per aumentare il tasso di natalità. Sembrerebbe che uno dovrebbe essere felice per il paese, ma i vicini dell’UE si sono rivoltati contro Budapest. La Svezia è quella che si lamenta più forte. Lo scandalo è così grande che entrambi i ministeri degli Esteri dei due stati stato hanno convocato i rispettivi ambasciatori. La scelta delle parole nella loro disputa è tutt’altro che diplomatica.

Il ministro svedese ha paragonato l’Ungheria alla Germania nazista degli anni ’30. Ha tweettato di essere disturbata da ciò che sta accadendo in Ungheria perché Orban vuole che nascano più “veri bambini ungheresi”. Il vice primo ministro dell’Ungheria ha risposto immediatamente.

Zsolt Semjen, vice primo ministro dell’Ungheria: “Cos’altro dovrebbe desiderare l’Ungheria se non la nascita di bambini ungheresi? Credo che quello che diceva quella povera creatura malata non sia normale. È una follia politicamente corretta”.

Siamo a Malmö, in Svezia. È la terza città più grande del paese. Ecco come appare uno dei suoi centri commerciali. Puoi ascoltare l’arabo molto più frequentemente di qualsiasi altra lingua. La gamma di merci è appropriata: hijab, sheesha e biglietti per i paesi del Medio Oriente e dell’Africa. I migranti costituiscono il 43% della popolazione della città.

Ecco come hanno accolto i giornalisti dall’Australia che sono venuti a Malmö per girare un film sulla vita della città. Il governo sostiene i migranti più degli svedesi nativi. (……………………..)

“Sergey Bondarev, sacerdote ortodosso:

  • Il problema principale è la perdita dei valori familiari tradizionali. Quando assume le sue forme più selvagge come l’omosessualità, credo che la società sia vicina a un collasso.
  • È questa una delle ragioni per cui gli europei scelgono il cristianesimo ortodosso?
  • Sì, questa è una delle ragioni. In effetti, ci sono alcuni danesi e svedesi che si convertono al cristianesimo ortodosso.

Nagi Sandor: “Le politiche liberali dell’Europa occidentale sono pura follia. In termini di cultura, quei migranti ci sono estranei. Hanno una religione e abitudini diverse. Invece di importare i migranti, l’Europa dovrebbe sostenere i suoi nativi “.

Forse, se l’Ungheria riuscirà aseguire questo percorso, i suoi vicini riterranno anche loro sia utile sostenere i propri cittadini invece di riempire il vuoto con gli estranei. 
Fonte:

https://russia-insider.com/en/we-need-more-hungarians-president-orban-refuses-bend-eu/ri26510

Fonte: Traduzione di L.Lago per www.controinformazione.info

CONTINUA A LEGGERE >>